La formazione

Particolare cura è rivolta da Centro verso gli  aspetti legati alla formazione in generale e più in particolare verso i giovani ricercatori.

In questo contesto il Centro  ha messo e continua a  mettere a disposizione, secondo le forme legislative di volta in volta utilizzabili, ma sempre attraverso pubblici concorsi banditi su scala nazionale, supporto finanziario per programmi di ricerca di durata annuale o biennale per giovani laureti interessati ad  approfondire lo studio in questo settore. Fino ad oggi molti giovani laureati, con diversa competenza disciplinare di base e distribuiti nelle diverse sedi del Centro, hanno potuto usufruire di tale opportunità sperimentando così in prima persona cosa significhi operare nell’attraente ma arduo ambito della ricerca scientifica.

Un altro livello di impegno del Centro è quello di fornire supporto in termini di personale, competenze  e strumentazione per l’organizzazione in proprio o in cooperazione di iniziative didattiche sia all’interno dei diversi livelli della offerta formativa universitaria italiana che di Scuole Nazionali ed Internazionali, siano esse orientate alla formazione di giovani ricercatori o di operatori all’interno di organismi e istituzioni rivolti alla tutela dell’ambiente e della salute dell’uomo.

In tale contesto significativa è stata la partecipazione del Centro al Master di II livello “Interazione fra campi elettromagnetici e l’ambiente” offerto dalla Università di Lecce e altrettanto rilevante e continuativa è la partecipazione del Centro alla organizzazione e alle attività della Scuola Internazionale di Bioelettromagnetismo – Alessandro Chiabrera, che si svolge con cadenza annuale ad Erice.

Inoltre molti corsi sono stati sono stato offerti e usufruiti  dagli operatori del Servizio Nazionale Sanitario, le Aziende Sanitarie Locali e le Agenzie Regionali per la Protezione dell’Ambiente (ARPA); fra questi, particolarmente  importante, sia per numero di ore di lezioni teoriche e di esercitazioni pratiche che per durata e distribuzione sul territorio nazionale e per la cooperazione dell’Ente Nazionale per la Protezione dell’Ambiente e le rispettive ARPA delle diverse regioni coinvolte, è stato il corso di “Valutazione e misura del rischio da esposizione elettromagnetica” replicato presso 10 differenti città italiane.