Progetti di ricerca

Progetti Nazionali

Esposizione Elettromagnetica e applicazioni medicali

Durata: 2013 – 2016

Finanziamento:  ICEmB

Parteners coinvolti: ICEmB con sue Unità di Ricerca

Scopi: sostenere lo studio delle interazioni bioelettromagnetiche finalizzato allo sviluppo di tecniche e metodiche diagnostiche e terapeutiche e relative apparecchiature.

Attività: Oltre a sviluppare opportune filiere di sperimentazione biologica in vivo e in vitro funzionali agli obiettivi del progetto, si considerano i seguenti ambiti applicativi: stimolazione cardiaca, ablazione a microonde interstiziale, sistemi espositivi standardizzati e controllati per sperimentazione biologica, caratterizzazione e impatto elettromagnetico di dispositivi medici, diagnostica elettromagnetica non invasiva.


Progetti Europei

COST Action EMF-MED (BM 1309):  Rete Europea di cooperazione, promozione e coordinamento della ricerca sull’impiego innovativo di Campi Elettromagnetici nelle applicazioni biomedicali.

Durata: 2014 – 2016

Finanziamento: Commissione Europea

Partners coinvolti: Austria, Belgium, Croatia, Cyprus, CzechRepublic, Estonia, Finland, France, FYR Macedonia, Germany, Greece, Hungary, Irland, Israel, Italy, Malta, Netherlands, Norway, Poland, Portugal, Romania, Serbia, Slovakia, Slovenia, Spain, Sweeden, Switzerland, United Kingdom.

Struttura: Coordinatore, Vice Coordinatore, Management Committee (MC), Working  Groups (WGs).

Coordinatore: Prof. Antonio Sarolic, Split University, Croatia; Vice, Dr. Marjana Moser, Federal Office of Public Health Nonionising Radiation and Dosimetry, Bern, Switzerland.

Rappresentanti Italiani nel MC: Prof. G.D’Inzeo, ICEmB – Università di Roma La Sapienza; Dr.ssa C. Marino, ICEmB – ENEA Casaccia; sostituti: Prof.ssa R. Massa, ICEmB – Università di Napoli; Prof. A. Ponzetto, Università di Torino; Prof. P. Ravazzani, ICEmB – IEIIT CNR, Milano.

Attività: Cost Action EMF-MED si articola in tre WGs:

WG1: Cancer EMF interactions and applications, coordinato  da Prof. G.van Rhoon, Erasmus Cancer Institute, Rotterdam, Netherlands.

WG2: Non-Cancer EMF interactions and applications, coordinato da Prof. P.Ravazzani, ICEmB – IEIIT CNR, Milano.

WG3: EMF dosimetry in silico tools and measurements, coordinato da Dr. N.Kuster, ITIS Fundation, Zurich, Switzerland.

Riferimento web: www.cost.eu/COST_Actions/bmbs/Action/BM1309

EFHRAN (European Health Risk Assessment Network on Electromagnetic Fields Exposure)

Durata: 2009 – 2012

Finanziamento: Commissione Europea

Partners coinvolti: ISIB-CNR (coordinatore), Italia; Centre National de la Research Scientifique, Francia; National Frederic Joliot-Curie Research Institute for Radiobiology and Radiohygiene, Ungheria; ICEmB, Italia; Institute of NonIonizing Radition, Slovenia; Fundacio Centre du Recerca on Epidemiologia.

Scopi:costituire una rete europea per la definizione, la caratterizzazione e l’attuazione di un sistema di valutazione del rischio associato all’esposizione elettromagnetica, in grado di individuare, se esistono, le evidenze scientifiche del rischio alla salute e possibilmente quantificarle, fornendo, nel contempo, un riferimento per la Commissione Europea per una sua sempre più rapida risposta sia in termini di promozione che di diffusione della conoscenza. La Rete si avvale dei risultati dell’analisi del rischio prodotti da un precedente progetto europeo,completato recentemente, EMF- NET.

Attività: si articolano, secondo un coordinato flusso, sia temporale che logico, attraverso l’analisi e l’identificazione del rischio a partire dai risultati di studi in vivo e in vitro; la definizione di modelli dose espositiva-risposta biologica; la caratterizzazione del rischio; la identificazione di dati d’ingresso per i processi di comunicazione e gestione del rischio.

Ulteriori informazioni:
http://efhran.polimi.it